Navigation

Borsa svizzera: mattinata negativa

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 dicembre 2019 - 11:54
(Keystone-ATS)

I listini della Borsa svizzera hanno ampliato le perdite rispetto all'apertura: alle 11.40 l'indice principale SMI cede lo 0,82% a 10'349.67 punti, quello allargato SPI lo 0,86% a 12'515.02 punti.

Stando a un operatore gli investitori diventano sempre più nervosi con l'avvicinarsi della prossima scadenza nel conflitto commerciale tra Usa e Cina che perdura ormai da oltre un anno. Una nuova stretta da parte di Washington sulle merci cinesi è prevista per domenica prossima.

Tra le blue chip, tutte negative, sotto pressione sono soprattutto Lonza (-1,60%), Adecco (-1,46%), Richemont (-1,44%), Nestlé e Swatch (entrambi -1,42%), UBS (-1,22%), Sika (-1,01%) e Credit Suisse (-1,00%). I due colossi farmaceutici Novartis e Roche cedono rispettivamente lo 0,49 e lo 0,48%.

Nel mercato allargato Newron lascia sul terreno il 14,41% dopo che la Food and Drug Administration, l'agenzia americana dei medicinali, ha comunicato al gruppo biofarmaceutico di voler discutere degli studi clinici di fase III sul preparato Sarizotan, in particolare dei piani statistici, prima che i dati vengano pubblicati.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.