Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un avvio incerto i listini della Borsa svizzera si muovono al di sotto della linea di demarcazione: alle 11.30 l'SMI cede lo 0,08% a 8'688.18 punti, l'SPI lo 0,04% a 9'636.20 punti. In assenza di impulsi i volumi di contrattazione sono modesti.

Tra le blue chip in calo i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,19%), Novartis (-0,10%) e Roche (-0,30%) così come il lusso, dopo il calo del 10% delle esportazioni orologiere in febbraio, con Swatch che scende dello 0,26% e Richemont dello 0,39%.

Sostengono l'indice i bancari, con UBS che sale dello 0,57%, Credit Suisse dello 0,13% e Julius Bär dello 0,77%. Contrastati invece gli assicurativi (Swiss Re +0,61%, Zurich +0,49%, Swiss Life -0,03%) e i titoli maggiormente esposti alle variazioni congiunturali, con ABB che perde lo 0,43% mentre Adecco avanza dello 0,29%, LafargeHolcim dello 0,09% e Geberit dello 0,05%.

Nel listino allargato, tra le aziende che hanno pubblicato cifre relative all'andamento degli affari si mettono in evidenza Vetropack (+5,52%), Partners Group (+3,93%) e Komax (-3,80%). Galenica perde l'1,12% dopo che la Commissione della concorrenza (COMCO) ha inflitto una multa di 4,5 milioni di franchi alla sua filiale HCI Solutions per abuso di posizione dominante.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS