Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata all'insegna del rialzo per la Borsa svizzera, sostenuta dall'andamento positivo in Asia, sulla scia dell'aspettativa che le banche centrali possano decidere misure di allentamento monetario a sostegno delle rispettive economie. Alle 11.25 circa il listino principale SMI segna 6144,56, in crescita dello 0,58%. L'indice allargato SPI è a quota 5705,80 (+0,61%).

Secondo gli operatori, la Banca centrale europea potrebbe abbassare già giovedì di un quarto di punto il proprio tasso direttore. A Zurigo unico titolo guida in controtendenza è Swisscom (-0,53%). Positivi i bancari, con UBS che sale dello 0,36%, Credit Suisse dell'1,56% e Julius Bär dello 0,20%.

Fra gli assicurativi Zurich avanza dell'1,77%, Swiss Re dell'1,25%. Quest'ultima ha reso noto di avere ceduto il suo fondo d'investimenti Swiss Re Private Equity Partners (SRPEP) all'americana Blackrock, maggiore amministratore di attivi al mondo. L'ammontare della transazione non è stato reso noto. A fine maggio SRPEP gestiva investimenti per un valore di 7,5 miliardi di dollari.

Quanto ai titoli difensivi di peso, Nestlé cresce dello 0,35%, Novartis dello 0,28% e Roche dello 0,36%. Fra i titoli più sensibili ai cicli congiunturali, ABB guadagna lo 0,83%, Adecco l'1,28%, Geberit lo 0,43% e Holcim l'1,72%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS