Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Andamento positivo questa mattina per la Borsa svizzera. Alle 11:05 circa l'indice principale SMI guadagnava lo 0,14% a 8'675,57 punti, quello allargato SPI lo 0,18% a 8'562,85.

Questa mattina la Borsa di Tokyo ha chiuso gli scambi con un leggero rialzo (+0,29%). Anche Wall Street ha terminato in territorio positivo: il Dow Jones è salito dello 0,03% a 16.781,27 punti, il Nasdaq è avanzato dello 0,24% a 4.321,11 punti mentre lo S&P 500 ha messo a segno un progresso dello 0,08% a 1.937,78 punti.

Secondo gli analisti, sul mercato elvetico le contrattazioni risultano prudenti in attesa della pubblicazione dell'indice tedesco ZEW sulla fiducia delle imprese. A pesare sugli scambi anche la paura di un aumento del prezzo dell'energia così come le instabili situazioni di Ucraina e Iraq.

A frenare le contrattazioni pure le decisioni sulla politica monetaria attese nei prossimi giorni sia da parte della Fed americana (mercoledì) che della Banca nazionale svizzera (giovedì).

Fra i titoli vanno male Holcim (-0,74%), Swisscom - che oggi ha cambiato il prezzo fissato un mese fa nel quadro delle offerte pubbliche di acquisto (Opa) su PubliGroupe, da 200 a 214 franchi - (-0,28%) e Geberit (-0,26%). Bene invece Actelion (+1,72%), Richemont (+1,14%) e Transocean (+1,26%).

SDA-ATS