Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata positiva per la Borsa svizzera, nonostante un tonfo a meno di un'ora dall'apertura. Alle 11.30 l'SMI sale ancora dello 0,33% a 6'601.74 punti, l'SPI dello 0,34% a 5'901.72 punti.

Come le altre piazze europee, Zurigo è favorita dal discorso sullo stato dell'Unione tenuto ieri sera dal presidente americano Barack Obama, che ha reso più ottimisti sulle possibilità di ripresa dell'economia. Obama ha proposto tra l'altro un taglio alle tasse sulle società.

Nel pomeriggio potrebbero arrivare impulsi dalla pubblicazione di risultati aziendali americani e dei dati sul settore immobiliare statunitense. Occhi puntati inoltre sulla Federal Reserve che, a chiusura dei mercati del Vecchio Continente, annuncerà la sua decisione sui tassi.

Sul principale listino elvetico si mettono in evidenza Adecco (+2,87%, in ripresa dai cali di inizio settimana), Transocean (+2,18%), Lonza (+1,73%), ABB (+1,48%), SGS (+1,35%) e Syngenta (+1,11% grazie ai risultati pubblicati ieri dall'americana DuPont).

Lonza ha registrato nel 2010 un utile netto di 284 milioni di franchi, in crescita dell'1,8% rispetto al 2009, ma in progressione del 10,4% a tassi di cambio costanti. Il fatturato è in calo dello 0,4% a 2,68 miliardi di franchi, mentre a cambi invariati sale del 3,3%. L'utile operativo Ebit è in flessione dell'1,6% a 374 milioni (+5,8% senza l'effetto dei cambi). L'utile netto è superiore alle attese, mentre le vendite e l'Ebit inferiori.

A sorpresa ABB ha fatto sapere che nel quarto trimestre dovrebbe aver registrato una crescita a due cifre a livello di nuove commesse (in valute locali), utile operativo (Ebit) e utile netto rispetto allo stesso periodo del 2009. Per il fatturato è attesa una progressione a una cifra in valute locali.

Quanto ai pesi massimi difensivi, Nestlé perde lo 0,47%, mentre i due farmaceutici Novartis e Roche salgono rispettivamente dello 0,65% e dello 0,62%. Tra i bancari Credit Suisse lascia sul terreno lo 0,32%, UBS è invariata e Julius Bär guadagna lo 0,31%.

Nell'indice allargato, tra le società che hanno presentato oggi dei risultati, Interroll avanza dell'1,9% mentre Belimo è in calo dell'1,8%. Meyer Burger, che ha ottenuto una nuova importante commessa in Asia, cresce del 3,1%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS