La mattinata prosegue al ribasso alla Borsa svizzera: alle 11.30 l'indice dei valori guida SMI segnava 8647,12 punti (-0,36% rispetto a venerdì), mentre il listino globale SPI era in flessione dello 0,30% a 8552,72 punti.

Il clima generale è attendista, con gli occhi puntati sull'inizio della stagione dei risultati semestrali, che partirà domani negli Usa con il gigante dell'alluminio Alcoa. Sul fronte interno la notizia borsistica del giorno concerne il mercato allargato: Helvetia (-0,67%) offre 80 franchi per azione di Nationale (+24,72% a 79,20 franchi), con l'obiettivo di creare un'unica entità che sarà il numero tre del settore in Svizzera.

Fra le blue chip sorvegliata speciale è Holcim (-0,06%), dopo che in mattinata è stata pubblicato l'elenco delle attività che verranno cedute nell'ambito della fusione con Lafarge. Deboli sono anche altri titoli dipendenti dalla congiuntura come ABB (-0,19%), Adecco (-0,61%) e Geberit (-0,82%), come pure, nel settore del lusso, Swatch (-0,38%) e Richemont (-0,54%).

Perdono terreno i bancari UBS (-0,60%), Credit Suisse (-0,61%) e Julius Bär (-1,31%). Resiste meglio, nel comparto assicurativo, Swiss Re (invariata), che beneficia di un cambiamento di obiettivo di corso di Goldman Sachs. Non aiutano il listino i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,43%), Novartis (-0,49%) e Roche (-0,04%).

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.