Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La mattinata prosegue in ribasso alla borsa svizzera: alle 11.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 8594,83 punti, in flessione dello 0,37% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,36% a 9476,54 punti.

Sia a Wall Street che sulle piazze asiatiche è stata osservata una tendenza a realizzare i guadagni. La propensione al rischio appare scarsa, prima delle decisioni sui tassi da parte della Banca centrale europea (oggi nel primo pomeriggio) e della Federal Reserve (mercoledì prossimo).

Sul fronte interno le variazioni dei 20 titoli principali sono inferiori al punto percentuale. Frenano il listino i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,47%), Novartis (-0,07%) e Roche (-0,89%).

Male orientati sono pure i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (-0,92%), Adecco (-0,50%), Geberit (-0,64%) e LafargeHolcim (-0,26%). Nel segmento del lusso Swatch (-0,76%) si difende un po' meglio di Richemont (-1,24%).

Perdite limitate vengono mostrate dai bancari UBS (-0,13%), Credit Suisse (-0,39%) e Julius Bär (-0,02%). Le vendite del comparto finanziario interessano comunque anche gli assicurativi Zurich (-0,07%), Swiss Life (-0,25%) e Swiss Re (-0,06%).

Nel mercato allargato hanno informato sull'andamento degli affari Ascom (-0,86%), Cicor (invariata), Coltene (-0,29%), Schmolz+Bickenbach (-5,19%) e SFPI (+1,12%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS