Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rimane in rosso nel pomeriggio, seppur con un miglioramento, la Borsa svizzera. Alle 15:05 circa l'indice SMI dei titoli guida perdeva lo 0,12% a 8'630,14 punti. Stessa contrazione per quello allargato SPI a 9'623,86.

Secondo gli analisti contattati dall'agenzia awp, le recenti affermazioni della Fed americana - che ha assicurato rialzi dei tassi graduali - hanno influenzato i mercati. Gli investitori sono nervosi, hanno evidenziato gli esperti.

Il nervosismo è accentuato dall'incontro odierno fra il presidente americano Donald Trump e quello cinese Xi Jinping. Lo scopo dei colloqui è quello di evitare uno scontro sui dazi che porterebbe a una guerra commerciale tra le due principali potenze mondiali, con conseguenze imprevedibili per l'intero pianeta.

Nel frattempo sono stati pubblicati anche alcuni dati congiunturali interessanti: le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti la scorsa settimana sono calate di 25'000 unità a quota 234'000, un dato superiore alle attese. In Germania invece, nel mese di febbraio, gli ordini dell'industria sono saliti del 3,4% su base mensile, dopo la brusca frenata di gennaio. Gli esperti si attendevano un incremento del 4%.

Rispetto alla mattina, più titoli hanno girato in territorio positivo. Si fanno notare in particolare Swatch (+0,97%), Zurich Insurance (+0,87%) e Swiss Life (+0,72%). Rimangono in negativo i bancari Credit Suisse (-0,41%) e UBS (-0,38%), mentre migliora Julius Bär (+0,16%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS