Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Scatta l'ora delle vendite alla borsa svizzera, che dopo aver aperto in ribasso ha accentuato le perdite, in linea con gli altri mercati europei. Alle 11.35 l'indice dei valori guida SMI segnava 9046,08 punti, in flessione dell'1,55% rispetto a ieri.

Il listino globale SPI perdeva l'1,51% a 9055,42 punti. Dopo i marcati aumenti di corso delle scorse settimane, il mercato prosegue la fase negativa avviata lunedì. Molti investitori, resi insicuri dagli ultimi dati congiunturali americani e dalle tensioni in Medio Oriente, propendono per realizzare dei guadagni.

Arretrano così tutte le blue chip, con l'unica eccezione di Transocean (+3,07%), che approfitta dell'aumento del prezzo del petrolio. Le vendite interessano in particolare Actelion (-3,57%), Swatch (-2,48%), Richemont (-2,47%). Anche i valori difensivi Nestlé (-1,15%), Novartis (-1,76%) e Roche (-2,08%) non si sottraggono alla corrente generale.

Sul mercato allargato si è abbattuta stamane una raffica di risultati aziendali. Hanno informato sull'andamento degli affari Baloise (-3,73%), Meyer Burger (-3,96%), Valora (-0,05%), Sunrise (-0,69%), Bravofly Rumbo (-1,55%) e Hochdorf (+2,37%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS