Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo essere rimasta a lungo indecisa la borsa svizzera sembra orientarsi verso un lieve rialzo, in un'atmosfera comunque di cautela viste le incognite legate alla Grecia.

Alle 15.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 8884,40 punti, in progressione dello 0,24% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,17% a 9008,14 punti.

In attesa di novità riguardo alla crisi greca - oggi è in programma una riunione dei ministri delle finanze dell'Eurozona - gli investitori hanno preso atto dell'ultimo dato sul deficit commerciale americano, risultato inferiore alle attese. L'attenzione si sta già peraltro spostando alla giornata di domani, quando oltre Atlantico comincerà la nuova stagione dei semestrali, avviata come sempre dal gigante dell'alluminio Alcoa.

Sul fronte interno le variazioni delle singole blue chip sono in gran parte frazionali. Le perdite maggiori sono subite da Swatch (-1,23%), dopo che Citigroup ha ridotto l'obiettivo di corso. Osservata speciale è ancora una volta Syngenta (+0,84%): in un'intervista il CEO di Monsanto Hugh Grant ha parlato di colloqui molto costruttivi con gli azionisti del gruppo renano in vista di una fusione.

In evidenza è anche Holcim (+0,50%), spinta da un cambiamento di raccomandazione operato da Merrill Lynch. Sotto la linea si muovono gli altri titoli particolarmente dipendenti dalla congiuntura, ABB (-0,93%), Adecco (-0,40%) e Geberit (-0,35%).

I bancari UBS (+0,85%), Credit Suisse (+0,87%) e Julius Bär (+0,97%) beneficiano di un rimbalzo dopo la giornata negativa di ieri. Hanno accelerato nelle ultime ore Nestlé (+0,51%) e Novartis (+0,48%), mentre più staccato appare il terzo peso massimi difensivo, Roche (-0,15%).

Nel mercato allargato si sono ridotti i guadagni di Molecular Partners (+0,75%), inizialmente assai tonica grazie ai progressi annunciati dalla società partner Allergan nello sviluppo di un medicinale. Rimane per contro difficile la situazione di Aryzta (-3,92%), dopo una valutazione negativa di Société Générale. Oggi è l'ultimo giorno di quotazione per Bondpartners (-0,57%), società finanziaria specializzata in obbligazioni in divise estere.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS