Navigation

Borsa svizzera: orientata a un solido rialzo

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 dicembre 2019 - 15:10
(Keystone-ATS)

La borsa svizzera rimane orientata a un solido rialzo: alle 15.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 10'527,04 punti, in progressione dello 0,94% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI saliva dello 0,90% a 12'728,10 punti.

Il mercato sta ampliando i guadagni, grazie a una tendenza positiva ravvisabile su tutte le piazze continentali. La raffica di dati congiunturali non sempre positivi diffusi finora, fra cui spicca il calo della fiducia dei manager del settore manifatturiero in Francia e in Germania, non ha scalfito l'ottimismo degli investitori. L'SMI è quindi ripartito a caccia di nuovi primati: il record di 10'551 punti non appare inarrivabile.

Hanno ulteriormente accelerato, rispetto alla mattinata, i bancari UBS (+1,57%) e Credit Suisse (+1,79%). Meno euforici, seppur positivi, sono i valori più sensibili ai cicli economici quali ABB (+0,60%), Adecco (+1,27%) e LafargeHolcim (+0,91). Trainano il listino anche Nestlé (+1,26%) e Roche (+0,98%), mentre il terzo peso massimo difensivo, Novartis (-0,05%), soffre per una battuta d'arresto nell'ambito della ricerca sull'asma. Nel mercato allargato si è ulteriormente ampliato il crollo di EFG International (-7,92%).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.