Navigation

Borsa svizzera: orientata al rialzo

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 maggio 2012 - 15:10
(Keystone-ATS)

La seduta prosegue positiva alla borsa svizzera: alle 15.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 5866,42 punti (+0,89% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in crescita dello 0,79% a 5480,48 punti.

Tutti i mercati continentali sono favorevolmente influenzati da un allentamento della tensione sul fronte dell'Eurozona. Vi è attesa per il vertice UE di domani, che potrebbe riportare in primo piano il tema degli eurobond. Inoltre molti investitori si aspettano che i peasi industrializzati decidano misure per incentivare crescita e occupazione. L'avvio di Wall Street è atteso al rialzo: nuovi stimoli potrebbero poi arrivare con i dati macroeconomici Usa sull'attività manifatturiera e sulle vendite di case, mezz'ora dopo la campanella d'apertura.

Per quanto riguarda i singoli titoli elvetici rimangono ben orientati i bancari UBS (+0,93%), Credit Suisse (+1,17%) e Julius Bär (+0,29%), come pure gli assicurativi Swiss Re (+1,65%) e Zurich (+1,40%). Ancora più dinamici appaiono i valori maggiormente legati ai cicli congiunturali come ABB (+2,01%) e Adecco (+2,14%). Stanno però acquistando vigore anche i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,83%), Novartis (+0,76%) e Roche (+0,66%).

Nel mercato allargato tonfo di Sonova (-10,33%) dopo la pubblicazione dei conti riguardanti l'esercizio 2011/2012: a pesare sono soprattutto le prospettive, giudicate deludenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?