Navigation

Borsa svizzera: orientata al ribasso

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 ottobre 2019 - 15:17
(Keystone-ATS)

La seduta prosegue in lieve ribasso alla borsa svizzera: alle 15.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 9811,29 punti, in flessione dello 0,19% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,30% a 11'946,61 punti.

Il mercato è spinto verso il basso dai pesi massimi difensivi Nestlé (-0,89%), Novartis (-0,64%) e Roche (-0,27%). Non presentano un andamento unitario i titoli maggiormente sensibili alla congiuntura quali LafargeHolcim (+1,21%) e ABB (-0,08%). Ben ispirati sono UBS (+1,05%) e Credit Suisse (+0,79%).

Nel mercato allargato al centro dell'attenzione vi è Bossard (+0,81%), che ha pubblicato i trimestrali. Una volta ancora sotto pressione è AMS (-1,97%), sempre in relazione a una possibile acquisizione di Osram. Temenos (-2,23%) soffre per un giudizio di Barclays. Sunrise (+2,64%) avanza, dopo che - stando a notizie di stampa - la società di consulenza ISS si è espressa contro la fusione con UPC.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.