Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera in mattinata ha oscillato attorno alla parità. Secondo gli operatori, dopo i recenti rialzi potrebbe intervenire una pausa. In particolare ieri lo SMI ha messo a segno un guadagno di quasi il 2%, sulla scia della rinnovata fiducia sulla solidità della ripresa americana. Alle 11.25 circa il listino principale segna 6317,05 punti, in calo dello 0,07%. L'indice allargato SPI è a quota 5592,11 (-0,03%).
I mercati sono in attesa di altre indicazioni sullo stato di salute dell'economia Usa nel pomeriggio. Sulla piazza elvetica, i titoli bancari sono in calo: il Credit Suisse, che ieri era salito di quasi il 4%, sta scendendo dello 0,16%, l'UBS perde lo 0,77% e la Julius Bär lo 0,08%. Tra gli assicurativi, Zurich Financial scende dello 0,72%, mentre Swiss Re avanza dello 0,55%. Le due compagnie pubblicheranno giovedì il bilancio intermedio.
Quanto ai pesi massimi difensivi, Novartis (+0,10%) e Roche (+0,58%) sostengono il mercato. Nestlé è in calo (-0,19%). Fra i titoli sensibili ai cicli congiunturali predominano i realizzi di guadagni, ha osservato un broker. ABB è in discesa dello 0,93%, Holcim dello 0,21%. In perdita di velocità anche Richemont (-1,14%) e Swatch Group (-0,27%). Adecco è invece sopra la parità (+0,09%). Forte ripresa per Transocean (+4,41%), propretaria della piattaforma petrolifera esplosa nel Golfo del Messico e gestita dalla BP.
Nel mercato allargato, Arbonia-Forster perde l'1,8%. Il gruppo turgoviese specializzato in impianti di riscaldamento, sanitari, cucine, finestre e porte ha realizzato nel primo semestre dell'anno un utile di 1,3 milioni di franchi, a fronte delle perdite di 23,3 milioni subite nello stesso periodo del 2009. Gli analisti si aspettavano tuttavia un risultato netto di 3 milioni di franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS