Navigation

Borsa svizzera: passa in positivo ma poi torna in negativo

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 ottobre 2011 - 11:54
(Keystone-ATS)

Dopo un'apertura in negativo e un temporaneo passaggio al di sopra della linea di demarcazione, la Borsa svizzera è tornata a muoversi in territorio negativo. Verso le 11:30 l'indice dei valori guida SMI perdeva lo 0,48% e quello allargato SPI lo 0,32%.

Dopo l'euforia della vigilia gli investitori si mostrano più prudenti, secondo gli osservatori. L'ottimismo è moderato prima del vertice dell'Unione europea (Ue) di domani.

Per quanto riguarda le blue chip: occhi puntati su UBS (+2,15%) - che ha annunciato un utile trimestrale di 1,018 miliardi di franchi nonostante la perdita di 1,85 miliardi subita a causa delle transazioni non autorizzate effettuate da un trader a Londra - e su Novartis (-2,70%). Il gruppo farmaceutico basilese, che nel periodo luglio-settembre ha registrato un utile netto in crescita del 7% a 2,49 miliardi di dollari (2,2 miliardi di franchi), ha comunicato che prevede di cancellare 2000 posti di lavoro, soprattutto in Svizzera e negli Stati Uniti, in seguito a un programma di compressione dei costi. In particolare intende chiudere il sito di Nyon (VD) che occupa 320 persone e sopprimere 760 impieghi a Basilea.

In calo anche Roche che perde lo 0,42%, mentre in progressione l'altro peso massimo difensivo Nestlé che guadagna lo 0,19%.

Tra gli altri titoli in crescita, i maggiori guadagno sono segnati da Actelion (+2,76%) e Transocean (+1,31%).

In flessione invece i bancari Cs Group e Julius Bär che cedono rispettivamente l'1,10% e lo 0,88%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?