Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera appare poco mossa: alle 11.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 9417,35 punti, in progressione dello 0,10% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,08% a 9553,17 punti.

Dopo un avvio in leggero rialzo il mercato ha virato in negativo, recuperando in seguito le perdite. La seduta appare tranquilla e mancano gli stimoli in grado di sostenere i corsi. Come sempre un occhio di riguardo viene prestato ai cambi: sia il dollaro che l'euro sono in recupero sul franco.

I movimenti delle blue chip rimangono meramente frazionali, con l'unica eccezione di Transocean (-1,70%), che come al solito segue l'evoluzione del corso del petrolio.

In ordine sparso si presentano sia i valori maggiormente sensibili alla congiuntura come ABB (-0,20%), Adecco (invariata), Geberit (+0,51%) e LafargeHolcim (-0,44%), sia i bancari UBS (+0,18%) e Credit Suisse (-0,28%). Trainano il listino i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,20%), Novartis (+0,20%) e Roche (+0,25%).

Nel mercato allargato Sulzer (-0,86%) ha reso noto un taglio di 410 impieghi, mentre Meyer Burger (+3,83%) ha annunciato un importante contratto.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS