Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera, come le altre principali piazze europee, resiste in territorio positivo dopo i primi dati Usa sull'attività manifatturiera dello Stato di New York, sui prezzi dei beni importati e sulle vendite dal dettaglio a gennaio. Alle 14.55 circa l'indice dei titoli guida è a quota 6674,27, in aumento dello 0,12%. L'indice complessivo SPI segna 5999,56 punti (+0,14%).

Fra le blue chip elvetiche si sta mettendo in luce Lonza, che avanza del 3,18%, favorita da un miglior giudizio da parte della Jefferies, hanno indicato gli operatori. Novartis non registra variazioni, mentre Roche perde l'1,21%. Su quest'ultima incide un deterioramento della valutazione da parte di UBS. Nestlé dà invece un chiaro sostegno al listino, con un guadagno dell'1,45%, sospinta dalle cifre pubblicate dalla concorrente Danone, migliori della previsioni.

Quanto ai bancari, Credit Suisse, già in rialzo ieri, è in crescita dello 0,47%, mentre l'UBS perde lo 0,27% e la Julius Bär lo 0,46%. Positivi gli assicurativi Zurich Financial (+0,26%) e Swiss Re (+0,09%). Fra i titoli più sensibili ai cicli congiunturali, ABB (-0,61%), Adecco (-0,15%) e Holcim (-0,86%) sono in calo. In flessione anche i titoli del lusso, con Richemont in discesa dell'1,68 e Swatch Group dello 0,58%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS