Navigation

Borsa svizzera: positiva in tarda mattinata

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 gennaio 2012 - 11:37
(Keystone-ATS)

La Borsa svizzera, partita in territorio positivo, ha perso vigore in mattinata scivolando temporaneamente al di sotto della parità, per poi riprendere quota rapidamente. Poco prima delle 11.25, il listino principale SMI segnava 6094,06 punti, in aumento dello 0,34%. L'indice allargato SPI era a quota 5505,07 (+0,30%).

Ieri sera la Federal Reserve, la banca centrale americana, ha indicato che intende mantenere i tassi di interesse a livelli prossimi allo zero fino al 2014. Secondo gli operatori, tale annuncio dovrebbe dare fiato alle borse. Sui mercati tuttavia continua ad avere un influsso negativo la crisi debitoria di Eurolandia e, in particolare, i problemi della Grecia.

Sulla piazza elvetica anche oggi hanno un impatto sfavorevole Novartis e Nestlé. Il gruppo farmaceutico lascia sul terreno lo 0,89%, mentre il gigante alimentare perde lo 0,09%. Roche ha recuperato terreno e segna un rialzo dello 0,25%.

Ieri Novartis aveva presentato il bilancio 2011, accolto con delusione dagli investitori. Roche aveva dal canto suo annunciato un'offerta pubblica di acquisto di 5,7 miliardi di dollari per rilevare la californiana Illumina. D'altro canto Roche ha riferito di notizie positive relative a studi di fase III con il farmaco Avastin su pazienti colpiti da tumore al colon.

Quanto ai valori maggiormente esposti alle oscillazioni della congiuntura, ABB è in progresso dello 0,83%, Adecco dell'1,75% e Holcim del 2,18%.

Positivi i valori guida bancari, con UBS in aumento dell'1,02%, Credit Suisse dell'1,73% e Julius Bär dello 0,93%. Fra gli assicurativi, Swiss Re sale dell'1,94%, Zurich Financial dello 0,62%. Quest'ultima ha indicato di stimare a 200-250 milioni di dollari gli oneri nel quarto trimestre 2011 dovuti alle inondazioni in Thailandia e al sisma in Nuova Zelanda.

Sul mercato allargato, tonfo di Logitech che registra una contrazione del 13,02%. Il leader mondiale nelle periferiche per computer ha lanciato un nuovo avvertimento su utile e fatturato. Per l'intero esercizio, che si chiuderà a fine marzo, il gruppo si attende ora un giro d'affari di 2,3 miliardi di dollari, contro 2,4 miliardi in precedenza, e un utile operativo di 60 milioni di dollari (90 milioni in precedenza).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?