La borsa svizzera cerca il rimbalzo, dopo due sedute al ribasso. Alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8784,65 punti (+0,24% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in progressione dello 0,21% a 8660,26 punti.

Il mercato è poco influenzato dalla chiusura negativa di Wall Street (Dow Jones -0,68% a 17'055,87 punti, Nasdaq -0,42% a 4508,69 punti), che ha perso ulteriormente terreno dopo la fine delle contrattazioni sul Vecchio continente. Hanno pesato i deludenti dati congiunturali europei e gli attacchi aerei americani contro le milizie dello Stato islamico, considerati una fonte importante di incertezza. Il quadro proposto dalle piazze asiatiche è invece risultato contrastato, con Tokyo in arretramento (Nikkei -0,24% a 16'167 punti).

In giornata potrebbe avere un impatto l'ultimo dato Ifo in Germania. Sul fronte interno gli impulsi sono pochi e i movimenti delle blue chip sono inferiori al mezzo punto percentuale. Fa eccezione Adecco (-2,71%), che nella sua giornata degli investitori ha confermato gli obiettivi e informato sul fatturato dei mesi di luglio e agosto.

Nel resto d'Europa i mercati hanno avviato le contrattazioni deboli: nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax +0,04% a 9598,77 punti), Parigi (Cac 40 -0,11% a 4364 punti), Londra (Ftse-100 invariato a 6675,82 punti) e Milano (Ftse Mib -0,13%).

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.