Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La nuova settimana borsistica comincia in rialzo, proseguendo quindi una tendenza che dura da circa un mese: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8800,04 punti (+0,13% rispetto a venerdì), mentre il listino globale SPI era in crescita dello 0,10% a 8685,67 punti.

Il mercato è favorevolmente influenzato dalla chiusura di Wall Street (Dow Jones +0,40% a 17137,36 punti, Nasdaq +0,45% a 4582,90 punti), che venerdì ha guadagnato terreno dopo la fine delle contrattazioni sul Vecchio continente nonostante dati non entusiasmanti riguardanti l'impiego. Anche Tokyo ha terminato in progressione (Nikkei +0,23% a 15'705,11 punti), nonostante il peggioramento del prodotto interno lordo nipponico.

Sul fronte interno i singoli titoli stentano per il momento a posizionarsi in modo chiaro: tutte le variazioni sono inferiori al mezzo punto percentuale. Questo è anche il caso di Novartis (+0,23%), che nel fine settimana ha presentato un promettente studio clinico.

L'avvio di seduta è stato positivo anche per la gran parte delle altre piazze europee. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax +0,21% a 9767,90 punti), Londra (Ftse 100 +0,12% a 6840,33 punti) e Milano (Ftse Mib +0,08% a 21'406 punti). Fa eccezione Parigi (Cac 40 -0,05% a 4484,40 punti).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS