Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Primi scambi in rialzo per la Borsa svizzera, con l'indice SMI dei principali titoli che in avvio di seduta segna un progresso dello 0,38% a 8.564,46 punti, mentre il listino complessivo SPI avanza dello 0,29% a quota 9.652,50.

Avvio debole, invece, per le piazze finanziarie europee che continuano a risentire delle incertezze geopolitiche e soprattutto guardano all'appuntamento ormai prossimo del voto francese. Dopo la chiusura contrastata ieri di Wall Street (con il Dow Jones in flessione dello 0,58% a 20.404 punti; il Nasdaq in rialzo dello 0,23% a 5.863 punti e lo S&P 500 in rosso dello 0,17% a 2.338 punti), le Borse del Vecchio Continente appaiono fiacche.

Francoforte è partita con il Dax a -0,25% (a 11.987 punti); Parigi con il Cac 40 a -0,04% (a 5.001 punti); Londra con l'Ftse 100 a -0,10% (a 7.108 punti) e Milano con il Ftse Mib a -0,55% (a 19.713 punti).

Stamane la Borsa di Tokyo ha terminato la seduta senza variazioni, con gli investitori che si sono concentrati sulla nuova stagione delle trimestrali e malgrado l'aumento sostenuto delle esportazioni giapponesi. L'indice Nikkei ha chiuso gli scambi piatto (-0,01%) a quota 18.430,49 punti.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS