Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura in ribasso per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8818,81 punti, in flessione dello 0,60% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,64% a 8976,37 punti.

Il mercato è influenzato dalle chiusure negative di Wall Street (Dow Jones -1,45% a 16'253,57 punti, Nasdaq -1,15% a 4756,53 punti) e delle piazze asiatiche, Tokyo in primis (Nikkei -2,50% a 18'299,62 punti). Le paure relative alla tenuta della congiuntura cinese sono tornate in primo piano, mentre nel contempo in Giappone sono stati presentati dati macro deludenti. Nuovi impulsi potrebbero arrivare nel pomeriggio dagli Usa con la diffusione delle ultime statistiche sul mercato del lavoro.

Sul fronte interno scarseggiano le notizie di rilievo e le variazioni dei singoli titoli non superano l'1%.

Anche le altre piazze europee hanno avviato le contrattazioni deboli: nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax -0,84% a 10'216,02 punti), Parigi (Cac 40 -1,05% a 4615,72 punti), Londra (Ftse-100 -0,85% a 6175,94 punti) e Milano (Ftse Mib -0,88% a 21'930 punti).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS