Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura in ribasso per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 7773,84 punti, in flessione dello 0,42% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,06% a 8139,06 punti.

Su tutti i mercati pesa una volta ancora il calo del prezzo del petrolio, che rinfocola i timori di possibili fallimenti aziendali che potrebbero poi portare l'intero sistema bancario in una situazione difficile. Nel pomeriggio nuovi impulsi potrebbero arrivare con la pubblicazione di alcuni dati macroeconomici americani. Sul fronte interno scarseggiano le notizie di rilievo.

Intanto Wall Street ha chiuso ieri in negativo (Dow Jones -1,14% a 16'431,78 punti, Nasdaq -1,47% a 4503,58 punti) e lo stesso ha fatto oggi Tokyo (Nikkei -0,85% a 15'915 punti).

Anche le altre piazze europee hanno avviato le contrattazioni deboli: nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax -0,30% a 9388,69 punti), Parigi (Cac 40 -0,14% a 4232,48 punti), Londra (Ftse-100 -0,13% a 5954,80 punti) e Milano (Ftse Mib -0,03% a 17'154 punti).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS