Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura in ribasso per la borsa svizzera: alle 09.15 l'indice dei valori guida SMI segnava 9'020.74 punti, in flessione dello 0,34% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,28% a 10'267.01 punti.

Il mercato è influenzato dalla staticità dei mercati asiatici, Tokyo in primis (Nikkei +0,1% a 20.132,67 punti) e di Wall Street, che ieri sera ha terminato col Dow Jones in calo dello 0,05% a 21.398,39 punti e con il Nasdaq in crescita dello 0,04% a 6.236,69 punti. In territorio negativo anche l'indice S&P 500 che è scivolato dello 0,04% a 2.434,54 punti

Sul fronte interno gli operatori si attendono una partenza poco mossa in vista di dati congiunturali provenienti dall'Eurozona e dagli Stati Uniti. Tutte le altre blue chip sono in rosso, con l'eccezione di Lonza (+0,53%), Roche (+0,24%) e Swisscom (+0,06%).

Anche le altre piazze europee hanno avviato le contrattazioni deboli: nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax -0,28% a 12.757,97 punti), Parigi (Cac 40 -0,16% a 5.273,24 punti), Londra (Ftse-100 -0,25% a 7.420,44 punti) e Milano (Mib -0,03).

SDA-ATS