Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Gli indici della Borsa svizzera continuano a muoversi in territorio positivo, ma nel primo pomeriggio hanno ridotto i guadagni in seguito a dati macroeconomici sfavorevoli provenienti dagli Stati Uniti. Alle 15.30 l'SMI sale ancora dello 0,73% a 6615.22 punti, l'SPI dello 0,63% a 5687.52 punti.
Sul listino principale sempre in evidenza ABB che dopo aver pubblicato risultati 2009 lievemente superiori alle attese segna un +6,02%. Bene anche Swiss Re, tornata nelle cifre nere l'anno scorso (+3,17%). Synthes, che ieri aveva lasciato sul terreno il 7,39% dopo la pubblicazione dei conti dello scorso esercizio, guadagna il 3,03%.
In forte flessione invece Swisscom, i cui dati sono leggermente sotto le attese (-3,56%). Actelion, altra società che ha presentato oggi i risultati del 2009, cede lo 0,85%. Tra le altre blue chip si profilano Richmond (+1,64%) e Novartis (+1,02%).
Le richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti sono aumentate inaspettatamente di 31'000 unità la settimana scorsa, a quota 473'000. Gli analisti avevano previsto un calo a 438'000 unità dalle 440'000 (dato rivisto oggi al rialzo a 442'000) della settimana precedente.
I prezzi alla produzione negli Usa, a gennaio, hanno segnato un balzo mensile dell'1,4%, dopo il +0,4% del mese prima (dato rivisto). Le previsioni indicavano un aumento dello 0,8%. Su base annua i prezzi alla produzione hanno segnato una crescita del 4,6%, superiore al +4,4% atteso dagli analisti dopo il +4,4% registrato a dicembre.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS