Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Avvio di seduta prudente oggi alla Borsa svizzera, dove verso le 9.15 l'indice guida SMI avanza di un debole +0,01% a 8'647,87. Anche l'indice allargato SPI segna il passo guadagnando solo lo 0,02% a 9'635,66 punti.

Oggi gli occhi sono puntanti su Syngenta che in avvio di seduta guadagna l'1,14%. La sua acquisizione da parte di ChemChina ha ottenuto il via libera condizionato degli Stati Uniti. Le autorità americane hanno chiesto e ottenuto dalle due società la vendita di tre tipi di pesticidi. Il via libera americano è una vittoria per ChemChina che, con l'acquisizione per 43 miliardi di dollari di Syngenta, diventa un colosso nell'industria dell'agroalimentare.

Incerte le altre principali Borse europee. In avvio di seduta a Milano indice l'Ftse Mib segna un calo dello 0,07% a 20.257,1 punti, a Parigi il Cac 40 avanza dello 0,07% a 5.104,7 punti, a Londra l'FTSE-100 fa un passo in avanti dello 0,30% a 7.343,49 punti e infine a Francoforte il Dax cede lo 0,02% a 12.280,06 punti.

La Borsa di Tokyo ha concluso la seduta in leggero aumento, sostenuta dal temporaneo stop alla fase di apprezzamento dello yen e l'inversione di tendenza a Wall Street, dove ieri sera il Dow Jones ha chiuso in salita dello 0,18% a 20.688,32 punti, il Nasdaq è avanzato dello 0,07% a 5.898,61 punti mentre lo S&P 500 ha messo a segno un progresso dello 0,05% a 2.360,04 punti.

A Tokyo il Nikkei ha guadagnato lo 0,27% a quota 18.861,27. Sui mercati valutari lo yen si è assestato poco sotto a quota 111 sul dollaro in attesa dell'inizio del vertice tra il presidente Usa Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping, a partire da domani in Florida.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS