Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera sul mezzogiorno è passata al di sopra della parità. Alle 15.10 il listino principale SMI era a quota 6318,94, in aumento dello 0,32%. L'indice allargato SPI segnava 5557 punti (+0,20%). Stamane la piazza elvetica aveva aperto, come anche le altre borse europee, in discesa, dopo il pesante calo in Asia che ha fatto seguito alle forti perdite di venerdì a Wall Street.
Nel listino principale sono in crescita in particolare i bancari UBS (+1,77%) e Credit Suisse (+1,72%), mentre Julius Bär è in perdita di velocità (-0,34%). Oggi è in programma al Consiglio nazionale il dibattito sull'intesa con gli Stati Uniti sull'UBS, già approvata dal Consiglio degli Stati.
Quanto agli assicurativi, Zurich Financial guadagna lo 0,21%. Il gruppo ha fatto sapere oggi che entra sul mercato indonesiano dell'assicurazione vita concludendo con il gruppo Mayapada un accordo per l'acquisto dell'80% di PT Mayapada Life, con sede a Jakarta. L'ammontare della transazione, che sarà effettiva nel terzo trimestre di quest'anno, non è noto. Swiss Re registra un incremento dell'1,52%, mentre Swiss Life è in ribasso dello 0,84%.
Fra le altre blue chip si stanno mettendo in luce il produttore di articoli di lusso Richemont, che avanza dell'1,68%, e il leader mondiale delle certificazioni e ispezioni SGS (+1,13%).

SDA-ATS