Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha recuperato terreno ed è risalita in territorio positivo dopo la pubblicazione di dati congiunturali statunitensi. Verso le 14.55 il listino principale SMI segnava 8068,47 punti, in crescita dello 0,16%. L'indice completo SPI era a quota 7653,23 (+0,15%).

Le richieste di sussidi alla disoccupazione negli Stati Uniti sono scese la scorsa settimana di 5000 unità a quota 305'000. Il dato è migliore delle attese degli analisti, che scommettevano su 325'000.

Il Pil statunitense nel secondo trimestre è cresciuto del 2,5%, secondo quanto ha comunicato Dipartimento del Commercio, confermando l'ultima stima del 29 agosto. La previsione precedente parlava di una crescita dell'1,7%.

A Zurigo, i tre titoli difensivi di peso stanno dando un sostegno al mercato: Nestlé sale dello 0,40%, Novartis dello 0,64% e Roche dello 0,66%.

Contrastati i finanziari, con Credit Suisse in aumento dello 0,36%, Julius Bär in calo dello 0,58% e UBS dello 0,69%. Zurich è di poco sopra la parità (+0,04%), Swiss Re perde lo 0,26%.

Quanto ai titoli più sensibili alle oscillazioni congiunturali, ABB sale dello 0,37%, Adecco dello 0,63%, Geberit è in lieve ribasso (-0,12%) e Holcim cede lo 0,36%. Nel segmento del lusso Swatch Group scende dell'1,02% e Richemont del 2,09%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS