Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sul mezzogiorno la Borsa svizzera è riuscita a risalire in territorio positivo, ma i guadagni sono modesti. Le piazze europee sono frenate dalle tensioni in Libia. Visto che Wall Street rimarrà chiusa oggi, nel giorno in cui si celebra la nascita di George Washington, i mercati si stanno mostrando cauti, hanno riferito gli operatori. Verso le 14.50 l'indice SMI dei titoli guida è a quota 6728,21, in crescita dello 0,16%. L'indice allargato SPI segna 6026,75 punti (+0,05%).

Fra i valori bancari, UBS sale dello 0,42% sulla scia di un migliore giudizio da parte di Goldman Sachs. I titoli del Credit Suisse sono invece in flessione dello 0,78%. Secondo una notizia pubblicata dal domenicale "SonntagsZeitung", le autorità americane hanno arrestato un gestore patrimoniale della banca. Inversione di tendenza rispetto a stamane per la Julius Bär, che ora è in leggero rialzo (+0,19%).

Le perdite per i titoli assicurativi si sono fatte più pesanti con il passare delle ore: Swiss Re scende dell'1,27%, Zurich Financial dello 0,95%. Il mercato è sostenuto dai pesi massimi difensivi: Nestlé guadagna lo 0,57%, Novartis lo 0,46% e Roche lo 0,51%.

Fra i titoli più sensibili ai cicli congiunturali, ABB sale dello 0,44%, Adecco è di poco sotto la linea (-0,08%) e Holcim perde lo 0,35%. Transocean, che presenterà mercoledì le cifre del 2010, non registra variazioni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS