Navigation

Borsa svizzera: scivola al di sotto della parità

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 febbraio 2012 - 15:36
(Keystone-ATS)

Nel primo pomeriggio la Borsa svizzera è scivolata al di sotto della linea di demarcazione. Verso le 15.10 i listini sono contrastati: l'indice dei valori guida SMI segna 6235,43 punti, in calo dello 0,04%, mentre l'indice allargato SPI è in aumento dello 0,09% a quota 5658,89. Gli investitori sono in attesa del via libera al salvataggio della Grecia.

In mattinata i mercati avevano beneficiato dell'allentamento monetario deciso dalla Cina. L'Eurogruppo dovrebbe dare oggi l'ok al piano per la Grecia. Wall Street rimarrà chiusa oggi in occasione dei festeggiamenti della nascita del primo presidente degli USA George Washington.

A Zurigo gli occhi sono puntati su Transocean. Il titolo perde il 6,55%. Il gruppo petrolifero prevede un importante ammortamento del goodwill a carico dei conti del quarto trimestre 2011 per la sua unità di servizi di trivellazione su commessa (Contact Drilling Services). L'ammontare non è ancora stato determinato.

Tra i titoli difensivi di peso, Roche scende dello 0,68%, malgrado il gruppo abbia ottenuto oggi dalla Commissione europea l'omologazione del suo preparato Zelboraf, che allunga significativamente la vita dei pazienti colpiti da melanomi con mutazioni inoperabili o che hanno formato metastasi. Novartis non segna variazioni, mentre Nestlé è in calo dello 0,72%.

Bene i bancari, con il Credit Suisse in progressione del 2,48%, UBS dell'1,53% e Julius Bär dell'1,05%. Quanto agli assicurativi, Swiss Re sale dell'1,21%, mentre Zurich Financial è in flessione dello 0,65%.

Nel comparto dei titoli più sensibili alle oscillazioni della congiuntura, ABB è in calo dello 0,10%. Il broker Cheuvreux ha stralciato il titolo del gruppo tecnologico dall'"European Selected List", hanno rilevato gli operatori. D'altro canto il Ceo Joe Hogan ha dichiarato al domenicale "SonntagsZeitung" che nei prossimi tre anni il gruppo potrebbe effettuare acquisizioni per un ammontare che può raggiungere gli 8 miliardi di dollari. Adecco guadagna l'1,93%, e Holcim l'1,88%.

Progressioni marcate anche per i titoli del lusso, con Richemont che sale dell'1,19% e Swatch Group dell'1,64%.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?