Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Seduta all'insegna del rialzo quella odierna per la Borsa svizzera. L'indice principale SMI ha terminato la giornata a 6803,74 punti, in aumento dello 0,53% rispetto alla chiusura di venerdì. L'indice allargato SPI è salito dello 0,49% a quota 6035,01.
I timori legati alla crisi finanziaria greca si fanno sentire di nuovo, ma "gli investitori prevedono che alla fine il pericolo sarà disinnescato, anche se i differenziali di rendimento momentaneamente salgono", ha detto un operatore alla Reuters. I mercati sono favoriti da dati aziendali americani superiori alle previsioni e dai titoli bancari e assicurativi, hanno indicato i broker.
Fra i titoli guida si è messo in luce Julius Bär, anche se sul finale di seduta i guadagni si sono assottigliati (+1,84% a 38,80 franchi). La Deutsche Bank ha migliorato il suo giudizio sulla banca elvetica. Bene UBS, che ha guadagnato il 2,57% (a 17,59 franchi). Il Credit Suisse è aumentato dello 0,49% (a 51,75 franchi). Nel pomeriggio il comitato esecutivo del PLR ha deciso di raccomandare agli azionisti di Credit Suisse di respingere il rapporto sulle remunerazioni dell'istituto, che prevede fra l'altro un compenso record di circa 70 milioni di franchi per il presidente della direzione Brady Dougan.
Quanto alle compagnie assicurative, Swiss Re è salita dell'1,50% (a 50,80 franchi), Zurich Financial dello 0,44% (a 249,80 franchi) e Swiss Life pure dello 0,44% (a 138 franchi).
Per quanto riguarda i titoli difensivi di peso, Nestlé è avanzata dello 0,56% (a 53,55 franchi), Novartis dello 0,18% (a 56,05 franchi), mentre la Roche ha perso lo 0,35% (a 171,80 franchi). Robusta performance di Holcim, salita del 3,35% (a 84,80 franchi). Sia Exane BNP sia la Deutsche Bank hanno alzato il loro giudizio sul titolo del produttore di cemento. Giornata favorevole anche per Richemont a +1,91% (a 42,17 franchi).
ABB, che aveva perso l'8% giovedì dopo la presentazione di risultati trimestrali che hanno deluso gli investitori, ha recuperato in parte venerdì, mentre oggi non ha registrato variazioni (22,44 franchi). In flessione Actelion (-1,27% 45,80 franchi), Syngenta (-1,03% a 269,10 franchi) e Synthes (-0,61 a 129,80 franchi).

SDA-ATS