Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera ha concluso in rialzo una giornata interamente positiva. Nel primo pomeriggio i guadagni si sono assottigliati in seguito a dati macroeconomici sfavorevoli provenienti dagli Stati Uniti, ma in seguito i listini elvetici si sono riavvicinati ai massimi di seduta. L'SMI, trainato dalla buona performance di ABB, ha terminato in progressione dell'1,06% a 6'637.29 punti, l'SPI dello 0,97% a 5'706.62 punti.
L'azione del gruppo tecnologico svizzero-svedese è salita del 7,64% a 21.28 franchi nonostante ABB abbia comunicato oggi un utile netto 2009 in calo del 7% a 2,9 miliardi di dollari. In diminuzione anche il fatturato, che è sceso del 9% a 31,8 miliardi di dollari. Tuttavia i risultati superano lievemente le stime degli analisti, secondo cui le cifre dimostrano che il peggio dovrebbe essere passato.
Bene anche Swiss Re, avanzata del 2,76% a 48.05 franchi. Il riassicuratore ha annunciato oggi di essere tornato nelle cifre nere nel 2009: l'utile netto si è attestato a 506 milioni di franchi, di fronte a una perdita di 864 milioni nel 2008. Synthes, che ieri aveva lasciato sul terreno il 7,39% dopo la pubblicazione dei conti dello scorso esercizio, ha guadagnato oggi il 2,55% a 128.50 franchi. Tra le altre blue chip si sono profilate Richemont (+1,91% a 36.76 franchi) e Holcim (+1,58 a 74.05 franchi).
In forte calo invece Swisscom (-3,15% a 378.60 franchi). L'operatore di telecomunicazioni ha realizzato nel 2009 un utile netto in crescita del 9,9% a 1,93 miliardi di franchi. Il fatturato è invece diminuito dell'1,6% e si attesta a 12 miliardi. Un operatore ha dichiarato alla Reuters che i risultati sono solo lievemente inferiori alle attese, ma le prospettive non sono molto rosee: la pressione sui margini dovrebbe crescere ulteriormente.
Actelion ha ceduto lo 0,09% a 53.15 franchi. Il gruppo biotecnologico ha realizzato un utile netto di 311,3 milioni di franchi nel 2009, in aumento del 2% rispetto all'anno prima. Il fatturato ha registrato un balzo del 20% a 1,77 miliardi.
Altra società ad aver pubblicato oggi i risultati del 2009, Schindler, quotata nell'indice allargato, ha chiuso con un +4,03% a 85,20 franchi. Il fabbricante lucernese di ascensori e scale mobili nel 2009 ha realizzato un utile netto record di 653 milioni di franchi (+3%). Il giro d'affari del gruppo è invece diminuito del 9,5% a 12,69 miliardi.
Leclanché ha perso il 2% a 381 franchi. Il fabbricante vodese di batterie ha registrato nel 2009 una perdita 6,6 milioni di franchi, contro un utile di 2 milioni nel 2008, nonostante le vendite siano passate da 13,1 a 16,3 milioni. Phoenix Mecano è progredita del 2,06% a 445 franchi. Il gruppo industriale zurighese ha subito lo scorso anno una flessione dell'utile netto (-62% a 11,5 milioni di euro) e delle vendite (-4,9% a 397 milioni).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS