Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera ha vissuto oggi una seduta interamente positiva. Stando agli operatori si è trattato di una ripresa tecnica dopo le forti perdite delle ultime due settimane. Nel primo pomeriggio i listini sono temporaneamente stati sostenuti ancor più dalla pubblicazione del dato sulle richieste di sussidi di disoccupazione negli Usa, diminuiti più del previsto la scorsa settimana. L'SMI ha chiuso le contrattazioni in progressione dello 0,54% a 6131.76 punti, l'SPI pure dello 0,54% a 5421.8 punti.
Sul listino principale gli incrementi maggiori sono stati messi a segno da Adecco (+1,77% a 47.04 franchi), Credit Suisse (+1,45 a 44.92 franchi), SGS (+1,41% a 1438 franchi) e UBS (+1,31% a 16.96 franchi).
Nestlé è salita dello 0,38% a 52.25 franchi e Novartis dello 0,48% a 52.30 farnchi. Il gigante vodese dell'alimentazione ha annunciato stamani di aver finalizzato la cessione di un pacchetto rappresentante il 52% del capitale azionario di Alcon alla Novartis. L'accordo con il gigante della farmaceutica frutterà a Nestlé 28,3 miliardi di dollari. Il terzo peso massimo difensivo, Roche, ha guadagnato lo 0,22% a 137.10 franchi.
Tra le blue chip hanno terminato in flessione soltanto Actelion (-0,60% a 43.43 franchi), Synthes (-0,53% a 113.20 franchi), Zurich Financial Services (-0,18% a 223.80 franchi) e Swisscom (-0,05% a 389.90 franchi), mentre Swiss Re ha chiuso invariata.
Nel listino allargato, tra le società che hanno pubblicato oggi i propri risultati, Bâloise ha messo a segno un +2,16% a 82.90 franchi, Allreal un +0,65% a 124.50 franchi, mentre Valora ha perso l'1,75% a 267 franchi e Ips (ex COS) lo 0,46% a 8.66 franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS