Navigation

Borsa svizzera: sempre in negativo

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 gennaio 2012 - 15:51
(Keystone-ATS)

Borsa svizzera sempre in negativo a metà pomeriggio: dopo una parziale ripresa nel primo pomeriggio è tornata a scendere. Verso le 15.30 l'indice di valori guida SMI segnava un ribasso dello 0,68% rispetto alla chiusura di ieri, a 6'016,96 punti. Meno 0,66% per l'indice allargato SPI, a 5'420,52 punti.

A subire maggiormente sono le due grandi banche Credit Suisse (-2,98%) e UBS (-2,51%), come pure Givaudan (-2.04%), Holcim (-1,63%), Swisscom (-1,11%) e Syngenta (-1,02%).

Mentre a fine mattinata tutti gli indici salvo uno erano in territorio negativo, si registra ora la ripresa di alcuni titoli, primo fra tutti da ABB (+0,81%).

Fra i pesi massimi difensivi ha perso terreno Novartis (-0,64%), mentre Nestlé è a -0,37% e Roche a -0,55%.

Quello odierno è il primo ripiego dopo 11 giornate positive. In mancanza di risultati per quanto riguarda le singole imprese, l'attenzione degli investitori va ai dati congiunturali e alla situazione del debito nell'Eurozona.

Le borse europee hanno reagito con indifferenza alla conclusione dell'asta con cui la Francia ha collocato 7,9 miliardi di titoli di Stato con scadenze tra i 10 e i 30 anni. Poco influsso sembrano avere avuto anche i dati macroeconomici pubblicati negli USA (diminuzione delle richieste di sussidi di disoccupazione e creazione di posti di lavoro nel settore privato), migliori di quanto si attendessero gli analisti

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?