Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La seduta prosegue al rialzo per la borsa svizzera, che sta difendendo senza problemi quota 8000, appena riconquistata ieri: alle 15.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 8071,67 punti (+0,54% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in crescita dello 0,65% a 7715,30 punti.

L'atmosfera generale rimane positiva, dopo che la Federal Reserve ha messo fine all'incertezza relativa alla sua politica monetaria. I corsi sono oggi sostenuti anche dalla scadenza dei futures e delle opzioni su indici e azioni: un classico "sabba" che costringe chi è posizionato in modo errato a procedere ad acquisti, alimentando il mercato complessivo. La volatilità potrebbe ulteriormente aumentare verso la fine di seduta.

Con l'approssimarsi delle festività e della fine dell'anno i volumi di contrattazione hanno comunque tendenza a scendere, complice la scarsità di novità sul fronte aziendale. A livello macroeconomico una certa sorpresa è giunta dalla terza e ultima stima del prodotto interno lordo Usa nel terzo trimestre, che è salito del 4,1% contro le attese di una conferma del +3,6% della seconda stima.

Per quanto riguarda i singoli titoli sono in ascesa come nelle scorse sedute i bancari UBS (+0,54%) e Credit Suisse (+0,98%), mentre è in contro tendenza Julius Bär (-0,02%). Nel comparto assicurativo Zurich (+0,75%) si muove meglio di Swiss Re (-0,12%).

Bene orientati risultano i valori maggiormente dipendenti dalla congiuntura come ABB (+0,44%), Adecco (+0,15%), Geberit (+0,27%) e Holcim (+0,39%). Nel segmento del lusso Swatch (+0,61%) rimbalza dopo le difficoltà registrate ieri e si trova un passo davanti a Richemont (+0,17).

Actelion (-0,20%) è oggi poco tonica, ma si appresta a terminare l'anno come la blue chip più performante, avendo guadagnato il 71% dal primo gennaio. Contribuiscono al buon andamento del listino i pesi massimi Nestlé (+0,86%), Novartis (+0,43%) e Roche (+0,66%).

Nel mercato allargato Schindler (+1,17%) non soffre per l'annuncio di un ammortamento sulla partecipazione nella sudcoreana Hyundai Elevator. Helvetia (+0,87%) ha fatto sapere di aver ampliato al 17,7% la sua quota in Nationale Suisse (+6,19%): c'è chi ha commentato che è ufficialmente cominciata la battaglia per il controllo di Nationale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS