Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa insiste nella tendenza al recupero che la vede impegnata da circa due settimane. Alle 15.05 l'indice dei valori guida SMI segnava 9283,47 punti, in progressione dello 0,95% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,89% a 9433,73 punti.

Una volta ancora al centro dell'attenzione è la politica monetaria. A favorire l'umore degli investitori è in particolare la prospettiva di un potenziamento del programma di acquisto di titoli da parte della Banca centrale europea in maggio e giugno, prima di un rallentamento in luglio e agosto, mesi che presentano volumi di contrattazione tradizionalmente più bassi.

Per quanto riguarda i singoli titoli continua a guidare il gruppo Richemont (+2,20%), favorita da una raccomandazione di Goldman Sachs. Julius Bär (+1,20%) ha pubblicato un dato relativo ai patrimoni amministrati nei primi quattro mesi superiore alle attese degli analisti e appare più tonica di UBS (+0,87%) e Credit Suisse (+0,70%).

Bene orientati rimangono i valori maggiormente dipendenti dalla congiuntura quali ABB (+0,24%), Adecco (+1,34%), Geberit (+2,01%) e Holcim (+0,53%). In contro tendenza è per contro la sempre volatile Transocean (-2,26%). Si muovono nella corrente generale anche i pesi massimi difensivi Nestlé (+1,45%), Novartis (+0,83%) e Roche (+0,51%)

Nel mercato allargato balzo di Meyer Burger (+6,62%) dopo la notizia di una commessa da 38 milioni di franchi in Asia. Giù per contro Sunrise (-4,13%), che ha presentato un trimestrale inferiore alle attese. Hanno informato sull'andamento degli affari anche Sonova (+3,46%) e Schmolz + Bickenbach (-1,16%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS