Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La Borsa svizzera si mantiene stabilimente orientata al rialzo, sebbene negli ultimi minuti stia perdendo velocità: alle 15.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 6377,17 punti (+0,68% rispetto a ieri), mentre il listino globale SPI era in crescita dello 0,45% a 5498,14 punti.
Rassicurazioni per i mercati sono giunte dal vertice dell'UE, che si è detta pronta a sostenere la Grecia: manca però ancora un piano concreto. I futures sull'apertura di Wall Street sono positivi.
In Svizzera al centro dell'interesse figura Credit Suisse (-0,11%), più tonico - nonostante il calo nel corso della seduta - di UBS (-1,39%) e di Julius Bär (-2,47%): questo nonostante il fatto che il numero due bancario elvetico abbia reso noto un utile 2009 inferiore alle attese. Agli investitori sembra però piacere in modo particolare il dato sull'afflusso di nuovi fondi, che fa balenare prospettive interessanti per gli anni a venire. Il buon andamento del titolo potrebbe inoltre essere anche influenzato dal dividendo prospettato: 2 franchi, pari a un rendimento di oltre il 4%.
Con il trascorrere delle ore stanno ripiegando gli assicurativi Swiss Re (+0,05%), Swiss Life (-0,61%) e Zurich (+0,25%). Fra i titoli più dipendenti dalla congiuntura ottima - grazie a una raccomandazione di Deutsche Bank - la performance di ABB (+2,18%); un analogo consiglio di UBS spinge verso l'alto anche Synthes (+2,27%), mentre arranca Holcim (-0,92%).
Sostengono il listino i difensivi Nestlé (+0,94%), Novartis (+0,88%) e Roche (+1,89%): quest'ultima società è favorita da risultati positivi riguardanti il suo farmaco contro il diabete Taspoglutid.
Nel mercato allargato va segnalata Bobst (-1,33%), che ha oggi informato sul fatturato 2009.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS