Navigazione

Saltare la navigazione

Funzionalità principali

Borsa svizzera: sempre orientata al ribasso

La borsa svizzera si conferma in ribasso, come in fine mattinata: alle 15.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 8869,40 punti, in flessione dello 0,43% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,40% a 10'390,86 punti.

Una vera e propria causa scatenante del cambiamento di umore degli investitori - il mercato era partito bene - non è identificabile, ha affermato un operatore. Anche in diverse altre recenti sedute si è però assistito alla stessa evoluzione. Pesano naturalmente l'incertezza circa l'evoluzione di diversi focolai di crisi e i timori per la tenuta della congiuntura mondiale.

Sul fronte interno sorvegliata speciale rimane ABB (+0,30%), che approfitta di nuove voci - questa volta ne parla il Financial Times - che vedono il gruppo vicino alla cessione del comparto reti elettriche. Vi è interesse anche per Julius Bär (+0,37%), che farà domani il punto sull'evoluzione nei primi dieci mesi. Novartis (+0,34%) beneficia di buone nuove provenienti dagli Usa sul suo farmaco Promacta e di una raccomandazione di Goldman Sachs, rivelandosi in tal modo più tonica degli altri due pesi massimi difensivi, Nestlé (-0,62%) e Roche (-1,02%).

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.