Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le preoccupazioni sulla condizione dell'economia cinese hanno influito negativamente sugli investitori: la Borsa svizzera, apertasi in calo, si è mantenuta per tutta la seduta al di sotto della linea di demarcazione aumentando le perdite.

L'indice dei valori guida SMI ha chiuso in flessione dell'1,41% a 9'251,60 punti e quello allargato SPI dell'1,35% a 9'391,63 punti

In tarda mattinata il Bundestag tedesco ha approvato con ampia maggioranza il terzo pacchetto di aiuti alla Grecia. Dallo spoglio è emerso che hanno votato a favore degli 86 miliardi per la Grecia 454 deputati tedeschi; 113 sono stati i voti contrari, 18 gli astenuti. Mentre nel pomeriggio è stato reso noto che i i prezzi al consumo negli Stati Uniti in luglio sono saliti dello 0,1%. L'aumento è inferiore alle attese degli analisti, che scommettevano su un incremento dello 0,2%. L'indice 'core', quello che non include l'energia e gli alimentari, è progredito dello 0,1%.

In serata sono attesi i verbali della Fed che potrebbero offrire indicazioni sulla tempistica di un aumento dei tassi di interesse.

Sul listino principale tutti i titoli hanno terminato in rosso. A segnare le maggiori perdite è stato quello di Transocean (-3,89% a 13,33 franchi). Swisscom, che ha annunciato i risultati semestrali con un calo dell'utile netto e un leggero aumento del fatturato, è scesa del 2,48% a 551,50 franchi.

Le altre blue chip che hanno lasciato sul terreno oltre il 2% sono Adecco (-2,01% a 78,10 franchi), Julius Bär (-2,06% a 52,30 franchi), LafargeHolcim (-2,78% a 64,70 franchi) e Swatch Group (-2,08% a 382,20 franchi). Il gruppo orologiero ha annunciato oggi di aver deciso di di trasferire le attività dell'azienda Distico da Taverne a Bienne e creare nella città bernese 160 posti di lavoro.

Quanto ai pesi massimi difensivi, Nestlé ha segnato un calo inferiore (-0,73% a 74,40 franchi) rispetto a Roche (-1,30% a 273,30 franchi) e a Novartis (-1,53% a 99,45 franchi).

Pesanti anche le perdite dei due titoli bancari UBS (-1,80% a 21,30 franchi) e CS Group (-1,41% a 27,26 franchi) anche se inferiori a quelle di Julius Bär. Tra i due titoli assicurativi, Swiss Re (-1,09% a 86,05 franchi) ha fatto meglio di Zurich (-1,53% a 282,80 franchi).

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS