Navigation

Borsa svizzera: SMI in lieve ribasso, -0,04%

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 novembre 2019 - 17:51
(Keystone-ATS)

La Borsa svizzera ha chiuso la prima seduta della settimana contrastata: l'indice SMI dei titoli guida è sceso dello 0,04% a 10'305,27 punti, mentre l'indice complessivo SPI è salito dello 0,04% a quota 12'4555,56.

All'indomani del voto in Spagna, senza maggioranze certe, a pesare sui listini è stato il rallentamento del Pil britannico, salito al di sotto delle stime degli analisti. In assenza di dati macroeconomici dagli Usa, l'attenzione degli investitori era puntata sull'audizione del presidente della Banca centrale statunitense Fed, Jerome Powell, in parlamento mercoledì.

A Zurigo hanno sostenuto i listini i tre pesi massimi difensivi: Roche ha guadagnato lo 0,18% (a 297,95 franchi), Nestlé lo 0,21% (a 104,34 franchi) e ancor meglio ha fatto Novartis (+0,71% a 88,12 franchi). Quest'ultima ha beneficiato del rilevamento da parte della sua filiale Sandoz delle attività giapponesi del suo concorrente sudafricano Aspen Pharmacare. L'operazione, che dovrebbe concludersi nel primo semestre del 2020, dovrebbe consentire a Sandoz di rafforzarsi nel mercato mondiale dei farmaci generici.

I riflettori nella giornata odierna si sono concentrati sui bancari: dopo aver annunciato stamane la nomina del nuovo responsabile dell'Investment Banking, David Miller, Credit Suisse ha ceduto lo 0,23% (a 13,02 franchi). Dal canto suo, UBS ha lasciato sul terreno lo 0,53% (a 12,28 franchi). Il numero uno bancario elvetico ha appreso nel pomeriggio di essere stato condannato a una nuova multa da 50,8 milioni di franchi da parte dell'autorità di vigilanza dei mercati finanziari di Hong Kong, la Securities and Futures Commission (SFC) per aver chiesto, per anni, onorari troppo elevati per talune transazioni con circa 5'000 clienti.

Male anche il settore del lusso: il titolo di Richemont, che continua a subire le conseguenze dei risultati semestrali deludenti, è sprofondato del 2,25% (a 73,00 franchi), trascinando in territorio negativo pure la concorrente Swatch (-1,26% a 274,00 franchi).

Tra i pochi titoli in evidenza oggi Adecco (+0,17% a 60,32 franchi), Lonza (+0,17% a 344,90 franchi) e Swiss Life (+0,24% a 500,20 franchi). Non hanno invece brillato gli altri assicurativi: Swiss Re ha ceduto lo 0,30% (a 106,35 franchi) e Zurich Insurance lo 0,54% (a 388,10 franchi).

Debole, sul mercato allargato, anche Sunrise (-0,19 % a 78,10 franchi). L'operatore telecom ha annunciato oggi di non essere toccato da eventuali sanzioni statunitensi contro Huawei.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.