Navigation

Borsa svizzera: termina in rialzo, SMI +1,38%

Giornata molto positiva per la Borsa svizzera KEYSTONE/GAETAN BALLY sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2020 - 18:04
(Keystone-ATS)

La Borsa svizzera ha archiviato in netto rialzo la prima seduta della settimana. Dopo aver veleggiato per tutta la giornata sopra la linea di demarcazione, l'indice dei titoli guida SMI ha chiuso in crescita dell'1,38% a 9758,82 punti.

Il listino allargato SPI ha terminato in progressione dell'1,48% a quota 12'081,24.

Ad influenzare i mercati sono stati gli annunci in diversi Paesi del mondo della riapertura del ciclo economico con la riduzione dei contagi e delle vittime da Covid-19. La Svizzera ha cominciato stamane il primo allentamento delle maglie del lockdown con la ripresa dell'attività di studi medici, parrucchieri, saloni di massaggio, centri estetici, negozi fai da te, negozi di giardinaggio e quelli di fiori.

Dopo il vistoso calo di venerdì, oggi a Zurigo a trascinare al rialzo i listini sono stati soprattutto i bancari, con UBS (+4,13% a 9,472 franchi) e Credit Suisse (+4,57% a 8,10 franchi). Molto bene hanno fatto anche i titoli assicurativi, con Swiss Life maglia gialla della giornata (+5,02% a 338,70 franchi), seguita da Zurich (+3,76% a 297,80 franchi) e Swiss Re (+3,56% a 69,88 franchi).

Giornata decisamente positiva pure per il settore del lusso, con Richemont (+4,02% a 54,34 franchi) e Swatch (+3,62% a 190,45 franchi).

L'indice SMI è stato sostenuto anche da due pesi massimi difensivi: Novartis, che ha terminato la seduta in rialzo del 2,40% a 88,03 franchi, e Roche, che ha fatto segnare una progressione dello 0,59% a 349,50 franchi. Stando a uno studio francese, il farmaco Actemra di Roche (principio attivo tocilizumab), sviluppato e approvato contro l'artrite reumatoide, potrebbe essere efficace contro il Covid-19 nei pazienti il cui stato è considerato grave. Brutta performance invece di Nestlé che, dopo la progressione di venerdì, ha chiuso in calo del 2,21% a 104,20 franchi quale maglia nera della giornata.

Hanno dal canto loro terminato la seduta in positivo i ciclici Adecco (+1,82% a 39,72 franchi), ABB (+3,27% a 17,365 franchi), LafargeHolcim (+3,72% a 37,60 franchi), Geberit (+2,73 a 414,00 franchi) e Sika (+0,84% a 162,35 franchi).

Sul listino allargato ha chiuso invece in territorio negativo (-0,62% a 8,08 franchi) Orascom Development Holding (ODH): la multinazionale dell'imprenditore egiziano Samih Sawiris con sede nel canton Uri, attiva nel settore alberghiero e immobiliare, ha annunciato stamane una crescita dei ricavi e una riduzione delle perdite nel 2019, ma si trova ora a dover affrontare la delicata sfida dovuta al coronavirus.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.