Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo un avvio in rialzo e un passaggio negativo a fine mattinata, la borsa svizzera ha ritrovato un certo vigore. Alle 15.25 l'indice dei valori guida SMI segnava 8439,14 punti (+0,33% rispetto a ieri) e il listino globale SPI era in progressione pure dello 0,05% a 8216,53 punti.

Il mercato era partito bene, sostenuto dalla prospettiva di un mantenimento della politica monetaria ultraespansiva della Federal Reserve, con tassi che secondo gli osservatori potrebbero tornare a salire non prima di metà 2015. Ma gli investitori si sono poi fatti più prudenti, anche in vista di un'apertura di Wall Street che i futures fanno presagire come debole. Negli ultimi minuti sta poi tornando una certa fiducia.

Sul fronte interno il listino viene pesantemente frenato dal peso massimo Nestlé (-0,44%), confrontato con realizzi di guadagno dopo i recenti aumenti di corso. Sorvegliata speciale rimane Roche (+0,55%), una volta ancora nel mirino delle critiche riguardo all'efficacia del suo medicinale Tamiflu. Il gruppo renano, insieme ai "cugini" di Novartis (+0,88%), è pure sospettato di intese concorrenziali illecite in Francia. Entrambe le notizie hanno però fatto scarsa impressione agli investitori.

Stanno chiaramente progredendo, rispetto ai minimi di giornata, i titoli maggiormente dipendenti dalla congiuntura quali ABB (+0,09%), Adecco (+1,25%), Geberit (+0,18%) e Holcim (+0,06%). Guadagni consistenti sono segnati, nel segmento del lusso, da Swatch (+1,01%) e Richemont (+1,75%), su cui potrebbero avere influito i risultati pubblicati dal concorrente LVMH. Una volta ancora Actelion (+1,29%) si dimostra fra i titoli più spumeggianti.

Tutti positivi, sebbene con diseguale dinamismo, risultano essere i bancari UBS (+0,06%), Credit Suisse (+0,81%) e Julius Bär (+0,41%) mentre nel comparto assicurativo Zurich (-0,75%) appare più in difficoltà di Swiss Re (+0,18%). Fanalino di coda è la sempre volatile Transocean (-1,56%). Completano il quadro complessivo SGS (-0,41%), Syngenta (+1,50%) e Swisscom (+0,58%).

Nel mercato allargato tonfo di Züblin (-9,69%), società intenzionata a cedere il suo portafoglio immobiliare in Svizzera. Hochdorf (invariata) è andata spegnendosi con il passare delle ore, dopo aver guadagnato anche oltre il 3% in scia ai conti annuali. Grande interesse ha suscitato la notizia che due filiali americane di Kudelski (+4,26%) hanno intentato causa contro Apple per violazione di brevetti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS