Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - La borsa svizzera nel pomeriggio ha ritrovato vigore, rinfrancata dai futures sull'apertura di Wall Street. Alle 15.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 6291,37 punti (+0,72%), mentre il listino globale SPI era in crescita dello 0,84% a 5526,41 punti.
Molto volatili rimangono i bancari UBS (+0,69%), Credit Suisse (+2,45%) e Julius Bär (+0,09%). Nel campo assicurativo positiva è l'evoluzione di Swiss Re (+1,22%) e Zurich (+0,94%), mentre Swiss Life (-0,88%) continua a faticare.
Buono è l'andamento di diversi titoli esposti alla congiuntura come Holcim (+2,04%), Adecco (+2,08%), Richemont (+2,32%) e Swatch (+2,47%) e, in misura minore, ABB (+0,88%). Sono girati in positivo anche i difensivi Nestlé (+0,37%), Novartis (+0,77%) e Roche (+0,25%).
Nel mercato allargato le novità concernono Oerlikon (-2,51%), che ha annunciato di aver ridotto il suo debito, Bâloise (+0,75%), che ha perfezionato l'intesa con Iduna per il raggruppamento delle filiali tedesche, e Global Natural Resources (-25,05%), tornata ad essere negoziata dopo la sospensione seguita alla mancata pubblicazione del rapporto d'esercizio 2009; la società ha peraltro anche fatto sapere di essere oberata dai debiti.

SDA-ATS