Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rallenta la Borsa svizzera nel pomeriggio: attorno alle 15.00, l'indice dei titoli guida SMI era vicino alla parità (-0,08% a quota 8616,11), mentre il listino allargato SPI perdeva lo 0,13% a 8877,29 punti.

Sempre in evidenza Syngenta (+4,75%) dopo speculazioni di un possibile avvicinamento o fusione con altre società. Per il resto il tema dominante della giornata è l'intervento della Banca nazionale svizzera, che non ha comunque modificato la sua politica monetaria.

L'istituto di emissione ha mantenuto fermo fra il -1,25% e il -0,25% il margine di fluttuazione del Libor a tre mesi, il suo principale tasso di riferimento. Sono stati anche confermati gli interessi negativi a -0,75% sui conti giro.

Fra le blue chip, perdono terreno i bancari - UBS (-0,37%), Credit Suisse (-0,85%) e Julius Bär (-1,43%) - mentre si muovono in modo contrastato i pesi massimi difensivi: Nestlé (-0,20%), Novartis (+0,36%) e Roche (+0,34%).

Navigano in territorio negativo i valori ciclici più esposti alle variazioni regionali: ABB (-1,27%), Adecco (-0,52%) e LafargeHolcim (-0,59%). Nel segmento del lusso continua a salire Swatch (+0,26%), mentre sprofonda Richemont (-1,03%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS