Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

ZURIGO - Inizio di settimana all'insegna della letergia e senza un orientamento preciso per la borsa svizzera che, per tutta la seduta, ha continuato a muoversi vicino alla parità. Alle 15.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 6213,96 punti (+0,06% rispetto a venerdì), mentre il listino globale SPI era in crescita dello 0,19% a 5493,16 punti.
La giornata è povera di impulsi in grado di incidere sui corsi e i volumi di contrattazione risultano di conseguenza molto bassi. Nulla sembra muoversi in attesa dell'inizio della stagione dei risultati semestrali americani, che sarà inaugurata oggi da Alcoa a mercati però già chiusi. Nei giorni seguenti sarà il turno di giganti quali Google, Intel, General Electric, Bank of America, Citigroup e JPMorgan. Sarà il momento per determinare lo stato di salute della congiuntura, dopo che nelle scorse settimane lo scetticismo riguardo agli sviluppi futuri dell'economia mondiale si era tradotto in un'elevata volatilità delle borse.
Per quanto riguarda la Svizzera, i primi grandi gruppi a rendere noto l'andamento degli affari saranno giovedì SGS (-0,40%), che oggi ha annunciato un'acquisizione in Canada, e Novartis (invariata): la società farmaceutica si sta muovendo meglio di Roche (-0,60%). In positivo è il terzo difensivo di peso, Nestlé (+0,38%).
Fra i titoli maggiormente esposti alla congiuntura ABB (-2,08%, -0,41 franchi) è penalizzata dal versamento di un dividendo di 0,51 franchi per azione, sotto forma di riduzione del valore nominale, e si trova così un passo dietro ad Holcim (-0,50%), Adecco (-0,86%), Swatch (-0,58%) e Richemont (-0,48%).
Guadagnano terreno rispetto all'inizio della seduta i bancari UBS (+0,59%), Credit Suisse (+0,99%) e Julius Bär (-0,03%). Nel comparto assicurativo Swiss Re (+0,81%) è più tonica di Zurich (-0,33%).
Nel mercato allargato le novità odierne concernono Genolier (invariata), dopo la denuncia penale presentata contro i vertici dall'ex Ceo del gruppo ospedaliero, e Rieter (+2,05%): in un'intervista il presidente della direzione e del Cda Erwin Stoller ha riferito di ordinativi tornati a crescere.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS