Dopo una mattinata poco dinamica la borsa svizzera ha virato al ribasso. A due ore dalla chiusura l'indice dei valori guida SMI segnava 8955,91 punti, in flessione dello 0,17% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,18% a 10'373.00 punti.

A rendere prudenti gli investitori sono una volta ancora i timori relativi a una possibile guerra commerciale fra Stati Uniti e altri paesi.

Sul fronte congiunturale non ha sorpreso l'inflazione negli Usa, che in febbraio è salita al 2,2%: gli specialisti sono quindi convinti che la Federal Reserve aumenterà il tasso di riferimento nella prossima seduta, il 21 marzo.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.