Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera sta ampliando il suo movimento al ribasso: a due ore dalla chiusura l'indice dei valori guida SMI segnava 7941,57 punti, in flessione dell'1,43% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva l'1,46% a 8578,22 punti.

Il mercato si muove in sintonia con le altre piazze continentali, che tornano ad interrogarsi sulle conseguenze della Brexit e sulla solidità delle banche italiane. Il movimento è favorito anche dal calo del prezzo del petrolio.

Ormai tutte le blue chip si presentano negative. Il rosso è particolarmente marcato per Adecco (-4,03%), dopo un cambiamento di raccomandazione da parte di Morgan Stanley. Male orientati sono pure altri valori fortemente sensibili alla congiuntura quali ABB (-1,25%), Geberit (-1,34%) e LafargeHolcim (-1,87%): quest'ultima società avrebbe ricevuto offerte inferiori al previsto per la cessione di attività in India. Le vendite non risparmiano, nel segmento del lusso, Swatch (-2,50%) e Richemont (-2,63%).

La seduta si presenta per l'ennesima volta da dimenticare per i bancari Credit Suisse (-2,03%), UBS (-3,01%) - interessata da una richiesta di informazioni fiscali dalla Francia - e Julius Bär (-2,82%). Come spesso accade la stessa tendenza è ricalcata dagli assicurativi Zurich (-2,44%), Swiss Life (-2,89%) e Swiss Re (-2,19%). Non sfuggono alla corrente generale i pesi massimi difensivi Nestlé (-0,85%), Novartis (-1,43%) e Roche (-1,13%).

Nel mercato allargato balzo di Von Roll (+10,34%) dopo la notizia di un taglio di 160 impieghi. Arretra per contro ancora EFG International (-6,16%), che oggi ha comunicato i nomi della futura dirigenza dopo la fusione con BSI.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS