Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mattinata in calo oggi per la Borsa svizzera, con gli investitori che guardano agli sviluppi geopolitici dopo l'intervento militare Usa in Siria. Alle 11:30 l'indice SMI dei titoli guida perdeva lo 0,46% a 8'598,31 punti, quello allargato SPI lo 0,51% a 9'594,00.

Gli analisti sono inoltre in attesa di maggiori indicazioni dal vertice tra il presidente americano Donald Trump e il suo omologo cinese Xi Jinping in Florida, in particolare sugli accordi del commercio estero.

Ad appesantire il mercato elvetico sono soprattutto i titoli bancari, con Credit Suisse che cala dell'1,03%, UBS dello 0,96% e Julius Bär dello 0,50%.

Fra i pochi titoli in positivo risultano SGS e Adecco: il leader mondiale nel settore della certificazione e dell'ispezione guadagna lo 0,09%, mentre il numero uno mondiale del lavoro interinale sale dello 0,07%.

Da segnalare inoltre il calo di ABB (-0,64%), nonostante il gruppo elettrotecnico zurighese abbia ottenuto un contratto da circa 270 milioni di euro (286 milioni di franchi) per lo sviluppo del raccordo elettrico tra la Francia e l'Inghilterra.

Infine, nel mercato allargato, ha iniziato bene il suo ingresso in borsa Galenica Santé: l'azione della filiale Salute del gruppo farmaceutico bernese, il cui costo d'emissione era di 39 franchi, si negoziava in mattinata a 43 franchi grazie alla forte domanda degli investitori.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS