Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura in chiara flessione pure oggi per la Borsa svizzera, sulla scia dei mancati progressi sulla crisi greca. Alle 09.20 l'indice principale SMI perde lo 0,75% a 8'977.64 punti, quello allargato SPI lo 0,63% a 9'115.76 punti.

Si tratta del quarto nulla di fatto in una settimana nelle trattative tra Atene e i suoi creditori, al termine di una nuova riunione dei ministri economici dei paesi dell'euro in cui le posizioni sono ieri rimaste distanti. In nottata sono proseguiti gli incontri tra il premier greco, Alexis Tsipras con Fmi, Bce e Ue, mentre un nuovo vertice dell'Eurogruppo è in programma per domani.

Avvio negativo anche per le principali piazze europee: a Londra il FTSE 100 cedeva nei primi scambi lo 0,37% a 6.782,75 punti, a Francoforte il DAX calava dello 0,75% a 11.387,13 punti, a Parigi il CAC 40 scendeva dello 0,62% a 5.010,22 punti e a Milano il FTSE Mib lasciava sul terreno lo 0,69% a 23.479 punti.

Le incertezze riguardanti la Grecia hanno pesato anche sulla Borsa di Tokyo, dove l'indice Nikkei ha chiuso stamani in calo dello 0,31% a 20'706,15 punti, e su Wall Street, dove il Dow Jones è sceso ieri sera dello 0,42% a 17.890,36 punti. Il Nasdaq ha perso lo 0,20% a 5.112,19 punti e lo S&P 500 lo 0,30% a 2'102,31 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS