Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha aperto le contrattazioni in rialzo: alle 09.20 l'SMI avanza dello 0,41% a 9'022.36 punti, l'SPI dello 0,37% a 10'271.56 punti.

Subito in evidenza Novartis (+2,32%) dopo aver raggiunto i propri obiettivi nella fase III di studi clinici con il preparato ACZ885 (Canakinumab).

Partenza negativa invece per le principali piazze europee, con il FTSE 100 di Londra che nei primi scambi perdeva lo 0,40% a 7.417,78 punti, il DAX di Francoforte che cedeva lo 0,12% a 12.758,66 punti, il CAC 40 di Parigi che scendeva dello 0,28% a 5.259,55 e il FTSE Mib di Milano in calo dello 0,44% a quota 20.978,64.

Stamani la Borsa di Tokyo ha terminato le negoziazioni in lieve ribasso in una seduta caratterizzata dalla flessione dei prezzi petroliferi e la conseguente rivalutazione dello yen. Il Nikkei ha registrato una variazione negativa dello 0,14% a quota 20.110,51.

Chiusura contrastata ieri sera per Wall Street, con il Dow Jones che ha perso lo 0,27% a 21.410,03 punti e il Nasdaq che ha guadagnato lo 0,74% a 6.233,95 punti. In territorio negativo l'indice S&P500 che è scivolato dello 0,06% a 2.435,67 punti.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS